Archivi tag: branding

Il brand Italia secondo il CountryRep 2010

Come sempre qui su italian branding commentiamo le classifiche della reputazione delle nazioni del mondo con un certo interesse.

Questa volta, grazie alla segnalazione di Matteo Borsacchi che ha scritto un bel post su misurarelacomunicazione.it, analizziamo i risultati presentati per il 2010 dal Reputation Institute.

L’Italia risulta essere il sedicesimo brand del mondo, un dato meno lusinghiero rispetto a quello di altri report di pochi anni fa. Anche se in classifica veniamo prima di Francia e USA.

Rispetto alle aree tematiche prese in considerazione l’Italia fa una bella figura per quanto riguarda il contributo alla cultura ma non viene presa in considerazione per quanto riguarda i prodotti o servizi, la tecnologia e l’innovazione.

E questo mi sembra il dato più preoccupante del Report per il brand Italia: il nostro Paese è in realtà un ottimo realizzatore di prodotti di qualità e anche tecnologicamente innovativi, ma a quanto pare non sembra essere percepito così in giro per il mondo.

L’Italia si piazza anche prima fra le nazioni più piacevoli e divertenti, mentre risultiamo poco attraenti sul piano della politica e stranamente anche dello stile di vita: siamo tra i 5 Paesi che vale la pena visitare ma non dove si vorrebbe vivere, lavorare, comprare o investire.

Che in Italia non ci siano molti investimenti esteri non è una novità, così come dal punto di vista politico non abbiamo grande reputazione, ma per quanto riguarda lo stile di vita e il desiderio di fare shopping in Italia questa immagine di debolezza è forse una novità.

Tra le altre cose si sottolinea nel Report la scarsa autostima degli Italiani nei confronti del proprio Paese, valutato meglio dagli  stranieri che da noi stessi. E’ un classico italiano ormai.

La ricerca e’ interessante e conferma alcuni risultati spesso incontrati intorno al brand Italia ma anche suona dei tasti dolenti sulla reputazione dell’Italia nel mondo.

Che ne pensate?

Luca Taddei

Annunci

Il brand del Veneto vola!

Una notizia interessante sul fronte del place branding tutto italiano è sicuramente l’iniziativa che si sta concretizzando in questi giorni in Veneto.

La Regione Veneto infatti ha intenzione di progettare e organizzare un piano di consolidamento e sviluppo delle rotte aeree funzionali alla sua economia dell’ospitalità e all’incremento dei flussi turistici.

E per fare questo coinvolgerà i tre scali internazionali del Veneto ( Venezia, Verona, Treviso ), le compagnie aeree, i tour operator nazionali ed internazionali. Accanto a questo si prevedono attività di marketing & comunicazione a 360°.

Mentre aspettiamo gli sviluppi di questo progetto, è interessante la sinergia che si può creare fra tutti i vari soggetti coinvolti per promuovere il brand del territorio e accanto a questo un piano di consolidamento delle rotte aeree che può sicuramente fare la differenza.

Luca Taddei

Assassin’s creed II: i videogame e il brand Italia

Ubisoft ha lanciato, da qualche giorno, Assassin’s creed II. Questo videogame realizzato dalla casa francese è sicuramente di qualità e, nonostante la sua origine straniera, ha molto dell’Italia nella sua ambientazione.

Le location del game spazia da Firenze, Monteriggioni, Venezia, Forlì, San Gimignano, Roma.

E’ Firenze a essere al centro delle ambientazioni del gioco e infatti si potrà, durante la partita, visitare il Ponte Vecchio, il Palazzo della Signoria, la Basilica di Santa Croce, Santa Maria Novella e San Marco.

Se i luoghi sono tutti italiani anche il tempo ci riporta al Rinascimento e quindi si intreccia con le glorie di un passato tutto italiano. Tanto che nel gioco faranno capolino anche personaggi della storia e della cultura italiana come Leonardo Da Vinci.

“Città come Firenze e Venezia rappresentano uno dei migliori spettacoli al mondo e tutta la tecnologia che abbiamo sviluppato ci è servita per farvi cogliere tale magnificenza e bellezza” ha affermato Patrice Desilets, direttore creativo della casa francese.

Ecco che la tecnologia e i videogame posizionano chiaramente il brand Italia e i brand delle città italiane tra storia, arte, bellezza e magnificenza.

E inoltre ci mostrano come ogni mezzo, anche il più originale e magari non immediato, possono servire per costruire e approfondire un brand legato a luoghi, nazioni, città.

Luca Taddei

Toscana, un brand dal fascino quasi naturale

firenze

La Toscana è sicuramente uno di quei pochi luoghi nel mondo che può contare di un brand quasi naturale. Con quasi naturale intendo che esso è costituito da alcune caratteristiche peculiari che lo rendono, al di là delle strategie di marketing, una realtà vivace, presente e desiderata nella mente dei turisti-consumatori di tutto il mondo.

La Toscana ha sicuramente più di un vantaggio competitivo rispetto ad altre realtà sia per la sua natura straordinaria sia per la sua cultura millenaria. La Toscana può vantarsi di un brand per così dire costruito prima della nascita stessa del concetto stesso di brand così come oggi lo intendiamo. Sicuramente nella costruzione di questo brand ante litteram hanno avuto un ruolo cruciale periodi storici come il Medioevo e il Rinascimento, la lungimirante politica di mecenatismo dei Medici e grandi figure della cultura riconosciute a livello internazionale come Michelangelo, Leonardo e Dante ( solo per citarne pochi ).

E i risultati arrivano fino ad oggi tanto che la rivista Travel and Leisure nella sua classifica annuale sulle città più amate e riconosciute vede Firenze primeggiare in Europa e al quinto posto nel mondo dopo che nella classifica 2006 la capitale della Toscana era stata votata come prima.

La forza del brand Toscana si riscontra anche nella sua capacità di essere territorio al servizio del marketing delle realtà imprenditoriali locali. I casi che si potrebbero fare sono molti, ma mi limito a segnalare semplici casi di promozione di aziende che operano nel turismo facendo leva proprio sulla Toscana come brand: è per esempio il caso di Toscana Sempre e Chianti ferie.

Tutte queste note positive però non devono far dimenticare che se si vuole continuare ad ascoltare la dolce melodia del brand Toscana in tutta la sua attrattività non bisogna smettere di suonare e aggiornare costantemente e strategicamente lo spartito del branding per la Toscana. Non farlo, potrebbe avere conseguenze anche disastrose, specialmente in una situazione di difficoltà prolungate dell’economia.

E voi che ne dite?

Luca Taddei

E…i vampiri tornano a costruire il brand Romania! Grazie a Twilight!

twilight

Di questi tempi il nation branding sembra passare per il cinema abbastanza spesso e dopo James Bond al servizio del Brand Britain troviamo Twilight al servizio del brand Romania.

E il nesso è il più classico che mai: in Twilight si parla di vampiri. E vampiro, nell’immaginario di tutti noi, fa rima con Transilvania e con Romania.

E infatti la Eagle Pictures non ha perso tempo a costruire un concorso a premi, ovviamente legato alla promozione del film, in cui il primo premio è un weekend per due in Transilvania, la terra di Dracula, il vampiro per eccellenza!

Insomma i vampiri sembrano non poter essere che associati con l’immaginario del brand Romania. Abbiamo visto ( su ilcomunicatore e su Italian Branding ) finora alcuni tentativi da parte delle istituzioni rumene di lavorare sul brand Romania qui in Italia con il progetto Romania, piacere di conoscerti. Secondo me quel progetto è valido per migliorare la percezione dei Rumeni nel nostro Paese, ma per promuovere il brand Romania dal punto di vista turistico, sia qui da noi in Italia che in giro per il mondo, non sottovaluterei la valorizzazione dell’associazione tra vampiri e Romania. Dal punto di vista comunicativo, avrebbe il suo mordente!

Luca Taddei

Little Big Country: il nuovo commercial!

Ecco il nuovo commercial per la promozione turistica della Slovacchia, realizzato da Slovakia.travel,il portale del turismo del piccolo grande Paese del Centro Europa, il Little Big Country appunto!

L’idea base è quella di trascorrere una vacanza nel mondo delle favole, il mondo del brand Slovakia. Il commercial è di ottima qualità e la voce narrante è del famoso Don LaFontaine, una delle voci hollywoodiane più famose del mondo, voce narrante di molti film di successo e di commercial per Chevrolet, Pontiac, Ford, Budweiser, McDonalds e Coca Cola.

In poche parole ne viene fuori un’ ottima azione di nation branding!

Luca Taddei

Austria e Svizzera: chi vincerà la partita del nation branding?

Gli Europei di Calcio 2008 hanno decretato l’eliminazione delle due squadre delle nazioni ospitanti l’evento. Ma anche se la sfida calcistica è stata decisamente persa da parte di Austria e Svizzera, non è di certo conclusa la partita che le vede protagoniste della comunicazione per rendere più forti i rispettivi brand nazionali.

Per prima cosa sono da tenere d’occhio i portali del turismo di Austria e Svizzera e poi cerchiamo di capire chi vincerà la partita della comunicazione.

Al momento trovo favorita la Svizzera con la sua simpatica campagna di comunicazione Svizzera. Il più da scoprire. e l’ottimo progetto di nation branding che ormai ha alcuni anni di esperienza e che cerca di coordinare il lavoro intorno al brand Svizzera, Presenza Svizzera.

Insomma che vinca il migliore! Anzi speriamo che vincano entrambe la partita della comunicazione di qualità!

Luca Taddei